Il Moulin Rouge, l'essenza della sensualità
logo

Capodanno a Parigi

Viaggi capodanno a Parigi dal 29/12 al 02/01



MoulinRouge

 

Il Moulin Rouge è situato presso il famoso quartiere a luci rosse di Pigalle,vicino Montmartre, ed è stato inaugurato il 6 ottobre 1889 da Charles Zidler.

Il famoso locale nacque dalla popolarità del Moulin de la Galette, un ristorante dove vi erano spettacoli danzanti, ricreato nel 1870, all’interno di un vecchio mulino a vento. A questo punto Charles Zidler e Joseph Oller, pensarono di creare un cabaret ispirandosi proprio al Moulin de la Galette e di edificare un finto mulino in mancanza di un vero mulino nel quartiere Pigalle.

Ben presto raggiunse il successo, soprattutto per gli spettacoli e i balletti riproposti, fra cui il peccaminoso can-can (ispirato dalla “quadriglia”) che per quei tempi erano ritenuti innovativi e sensuali. Molti artisti erano attratti dal Moulin Rouge e ne divennero assidui frequentatori, come nel caso del ritrattista Henry de Toulouse-Lautrec, che per lui rappresentava una vera fonte di ispirazione.

Nella sua carriera ritrasse non solo molti frequentatori ma in particolare il suo soggetto preferito era la ballerina Louise Weber, conosciuta come “La Goulue”,ossia la golosa. Si pensa che nel 1891, fu proprio l’artista che convinse la ballerina ad abbandonare il Moulin de La Galette per trasferirsi al Moulin Rouge ed egli per l’occasione disegnò e face realizzare il famoso manifesto raffigurante proprio “La Goulue”.

Verso la fine degli anni Trenta, si era ormai diffusa la moda del cinema e la fama del Moulin Rouge sembrò vacillare, ma solo per un breve periodo. Grazie alla presenza di personalità come Edith Piaf e Yves Montad, già nel secondo dopoguerra, la sua importanza e la notorietà ritornarono a rifiorire.

La GolosaDal noto mulino ne passarono moltissime di ballerine e soubrette. Da Jane Avril a Yvette Guilbert, fino alla Venere nera Josephine Baker che fuggì dall’America per trovare fortuna in Europa. É ancora celebre la sua esibizione con il suo gruppo “Le negre revue”, in cui indossava solamente un gonnellino di banane e forse ritenuta troppo provocatoria e all’avanguardia per il pubblico.

Con il passare del tempo il locale perse la vecchia reputazione di “bordello di lusso” e divenne un cult nella società francese. Oggi il Moulin Rouge è una delle attrazioni per eccellenza per tutti i turisti in visita e mantiene sempre vivo l’interesse con il suo stile e la varietà degli spettacoli di intrattenimento e danza.

Le ballerine, chiamate “cortigiane” erano riconosciute dal loro abbigliamento, il loro scopo era ballare, anche individualmente, per sedurre l’ipotetico cliente. Tuttavia, dopo i vari cambiamenti,anche le “cortigiane” lasciarono il posto a ballerine professioniste dotate di notevoli capacità artistiche ed acrobatiche, che mantenessero alte le aspettative del locale notturno.

All’interno è ancora presente l’arredamento tipico della Francia di fine secolo che giova a mantenere quel fascino romantico ma anche spregiudicato.

Il costo della serata compresivo di menù si aggira attorno a 150 euro ma si può anche solo assistere allo show e spendere un pò meno con il solo drink per una spesa pari a circa 80/90 euro a persona. Al contrario di ciò che si può pensare, oggi il Moulin Rouge offre un intrattenimento che non esclude le famiglie, e l‘ingresso è garantito ai bambini maggiori di 6 anni.

Il Can-can

Il Can-can (scritto anche Cancan) è un tipo di danza di origine francese che divenne popolare nella storia del cabaret al tempo della Belle Époque. Il nome deriva forse dalla storpiatura della parola “scandal” mentre le sue origine sono piuttosto incerte. Probabilmente deriva dall’usanza popolare delle lavandaie di Montmartre di mostrare, ogni domenica, le gonne per le strade del quartiere.

can-canIn questa danza, le ballerine si esibivano schierate in fila, l’una accanto all’altra, la musica è molto veloce e bisogna alzare ritmicamente le gambe. In questo modo si scoprivano parzialmente le gambe e si intravedevano le sottogonne che. a quei tempi, suscitavano scalpore e veniva giudicata oscena dalla Parigi “per bene” poiché era una danza che intratteneva la sola clientela maschile.

Oggi giorno il Can-can si è ormai evoluto fino ad essere considerato una forma di intrattenimento che ha portato alla diffusione del cabaret in tutta Europa.

La vita notturna

Nella parte inferiore della collina di Montmartre, nella Place Blanche si trovano moltissimi bar, birrerie e locali molto frequentati. Dalla parte opposta della strada noterete un edificio un pò decadente, si tratta del Teatro degli Champs Montmartre, che si ritiene sia stato un antenato del Moulin Rouge poiché, precedentemente al famoso locale, ospitava già i famosi spettacoli di Can-can.

Per visitare il Moulin Rouge durante un breve ma intenso soggiorno a Parigi, cliccare QUI per vedere le nostre offerte.

Mi chiamo Giuliana, per me viaggiare significa conoscere luoghi nuovi e misteriosi,amo scoprire odori,colori e sapori tradizionali

Leave a Reply

*

captcha *

[iframe_popup]

x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.